venerdì 26 agosto 2016

L'incanto.



Tappa 5: Da Gubbio a...
Arrivata a Bellugello, frazione di Biscina. 
Circa 22 km. Circa 6 ore e mezza. 

"Il sentiero Assisi - Valfabbrica - Gubbio è fortemente dominato dallo spirito del viaggio di Francesco a Gubbio e della sua gaia e dolorosa formazione. Vi si potranno trovare, inseriti nella natura e nell'arte, gli aspetti essenziali della maturità del santo: il suo amore per il creato e la consapevolezza del dover essere Chiesa. La ricerca continua della peregrinazione come fondamento della stabilità e della conquista della regola".

Creato.
Chiesa.
Stabilità nel peregrinare.
Conquista della regola.

Gubbio è la città che più parla di Francesco.
Più di Assisi. Paradossalmente, o forse no.

"Qui Francesco placò la perniciosa lupa".
Non un Francesco per cui gli animali sono miracolosamente docili.
Un Francesco che affronta la paura e va incontro agli animali feroci.
E questi, miracolosamente, si ammansiscono.
La fragilità salva, non la forza.

Non ho incontrato lupi sul cammino.
Ma ho avuto paura dei cani. Da guardia, pastori, randagi.
Abbaiavano, ringhiavano, seguivano poi, per fortuna, ignoravano e se ne andavano.
Facevano tutto loro.
Tutto ciò che dovevo fare io era solo non fare niente.
E non è sempre semplice.

Oggi è stato faticoso. Ma bello.
Il sole. La lunghezza. Il sentiero ripido nel bosco. Non avere più acqua. Non sapere dove fermarsi. Non avere un posto per dormire.
Fatica, tanta, ma non sofferta. Serenità.

L'incanto è trovare persone che viaggiano sulla tua lunghezza d'onda, 
senza bisogno di rincorrere o essere inseguiti. 

Incanto. Si. E' la parola giusta.
Ognuno al proprio passo, senza forzare. Liberi ma non soli. Lasciarsi andare. Accogliersi.
Condividere. Una borraccia, un tetto, i pomodori raccolti dall'orto, le esperienze della vita.

Meraviglioso, ma come non ti accorgi di quanto il mondo sia meraviglioso
ma guarda attorno a te, che doni che ti hanno fatto, 
ti sembra niente il sole! 

In fondo anche questo è un altro modo di dire Laudato sii.